torna all'inizio Indietro (Lavaggiorosso) Avanti (Montale)

Dosso


Dosso una delle ventidue frazioni del comune di Levanto, posta nella parte occidentale della vallata. Il nucleo situato ad una altezza di 230 m. s.l.m. ed raggiungibile da una carrozzabile che, partendo dal convento dell'Annunziata, tocca le frazioni di Lizza, Lavaggiorosso e Groppo per poi raccordarsi con lo svincolo autostradale della A 15 Genova-Livorno. L'origine del borgo non nota, ma probabilmente da porsi nel basso medioevo. Il nome documentato per la prima volta nel 1389, anno nel quale il Consiglio e Borgo e Valle di Levanto procede all'integrazione di alcuni capitoli degli Statuti approvati nel 1377. In tale occasione Paxino di Dosso risulta come rappresentante del borgo nell'organo di governo della podesteria. Il nome dell'abitato scritto dapprima nella forma latina Doceo, per poi diventare Dosso alla fine del XVI sec. Nel 1535 si ha notizia che la frazione contava una settantina di abitanti. Il significato del nome da mettersi in relazione con la sua posizione, nel senso di 'abitato posto sul dosso del monte'. Si tratta pertanto di un toponimo di origine geomorfologica. Nel complesso Dosso di presenta come un piccolo borgo raggruppato, con la maggior parte degli edifici affiancati l'uno all'altro. Le costruzioni sono generalmente a due piani, in pietra lavorata, oggi coperta quasi sempre da intonaco, sotto il quale si intravvede tuttavia l'originaria tessitura in conci squadrati con cantonali accuratamente lavorati. Sono presenti elementi strutturali di un certo interesse, quali archi in muratura e in cotto, portali in pietra e in ardesia, fineste con architrave in pietra o con archi a tutto sesto (tutti questi elementi sono databili tra la fine del XVI e l'inizio del XIX secolo). Alcune delle costruzioni presentano inoltre elementi caratteristici, quali un'aia pensile in pietra a spacco con imposta della volta in mattoni databile all'inizio del XVII secolo, oppure un atrio interno di accesso all'abitazione con colonnina caposcala in marmo. Tale soluzione architettonica richiama analoghe tipologie presenti a Levanto in via Guani e via Garibaldi, a loro volta mutuate da edifici di ambito cittadino, probabilmente introdotte nel borgo dalle numerose famiglie levantesi che in Genova avevano ampi interessi commerciali. Il piccolo oratorio di Dosso, intitolato a S. Giovanni Evangelista, ricade sotto la giurisdizione ecclesiastica della Pieve di Montale. Vi si conserva una Annunciazione in ardesia di particolare pregio per la sua elegantissima fattura. Essa stata recentemente attribuita alla bottega di Pace Gaggini, del quale si hanno notizie dal 1470 al 1525. Non nota la collocazione primaria dell'opera, ma molto probabile che essa in origine fosse la lunetta di un portale di in un edificio sacro di Levanto.